tutta sia madre

idee. troppe. e di generi troppo diversi fra loro. passioni tante. tantissime. e di generi neanche troppo diversi, fra loro. la terra, le tradizioni, il correre, il pedalare, la gente, il muoversi a piedi, l’ecologia, la condivisione, la famiglia, la cucina, il respirare, le parole. le parole. le mani da guardare.

poi ci si ferma al caffè, si fan due chiacchiere,

hai un’idea per le serate d’autunno? perché non fate una serata “pasta madre”?  mi piace, dice lei, la fai tu. io? ma io…non insegno nulla, io imparo. va bene, impara con noi.

è così che sono nate le serate acqua e farina al caffè nove100. dall’idea di mettere le mani insieme, imparando insieme, condividendo le sperimentazioni fatte negli ultimi 18 mesi. quelli di convivenza con la “mia” pasta madre. quelli in cui ho imparato alcune cose fondamentali nella materia. che non è la stessa madre per tutti, che non si possono seguire tutti i metodi, che il sentire passa attraverso le mani. le mie.

prima di fare una cosa, io, ci penso. e studio. e poi ci ripenso e poi studio. che devo esser pronta, cerco, leggo, confronto e imparo da chi mi da l’impressione di voler far capire. e non da chi sale in cattedra e mi dice così sì, così no. sono limitata, credo, ma devo capire e sentire mio un metodo. ascolto tutti, provo, elaboro e vado avanti.

IMG_3548

prima di accettare questa cosa mi sono intervistata: perché? perché non è difficile come pensavi, perché hai visto che si fa, perché se lo fai tu possono farlo tutti. che il rinfresco ogni tre giorni non è un peso, ma diventa un merenda day e allora ho deciso che sì, potevo condividere il mio percorso con chi avesse voluto. e mi sono divertita, mi sto divertendo, ho avuto conferme da diverse amiche e abbiamo addirittura esportato il format a genova. la pasta madre dovrebbe entrare in tutte le case di chi ama una cucina semplice. di chi si preoccupa dell’ingrediente, di chi cerca la buona farina e non disdegna la buona azione. è una moda? ma magari le mode portassero del buono! sarà mai di moda consumare consapevole? senza esagerare? sarà mai di moda rispettare il prossimo? (modalità retorica on)

merende, pane, pizza, pizza, pizza, grissini, grissini, gallette, pizza, pane, croissant e brioche da colazione. pasta madre. tutta sua madre

cuorsiste
cuorsiste make grissini
il gioco delle 10 ciotole
il gioco delle 10 ciotole

 

ps lascio il link al video dell’utilizzo esuberante. è una goduria. fidatevi

la convivenza con i carboidrati si può gestire. invitando amici e portando grissini in dono come fosse ogni giorno una festa.

 

Commenti (12)

Rispondi