sapeva d’amore e del voler bene

sapeva d’amore e del voler bene

più che altro questo. che non c’erano tecnologie a distrarre e allontanare. sapeva sorridere con la bocca, gli occhi e il cuore. abbracciarti con le parole e con i gesti. sostenere. sapeva anche chiudere le porte, ma lasciava sempre uno spiraglio per far...
e così sia

e così sia

chiamatemi biba, dada, znèina fatemi accendere una sigaretta, apparecchiare la tavola, mangiare razza con la maionese, ascoltare ogni gr1 che la radio manda in onda, andiamo, guido io. ma per favore fatemi sentire la voce che dove vi penso siete. accanto a me. o nella...
il momento di dire addio

il momento di dire addio

una casa vuota di vita, ma non di cose mi aspetta. una casa e un paese da cui sono stata volutamente lontana, per non sentire la lama dei ricordi affondare dentro me. una casa in cui sono stata felice, così inconsapevolmente felice allora, così consapevolmente...

ora

16:16 mi capita spesso. e mi piace. 17:17 non mi capita altrettanto spesso. ma sono due giorni che capita e mi impressiono. è il primo settembre e non mi ero accorta che agosto è già finito. mi portano via i giorni da sotto gli occhi. dalle mani, dalla pelle. ladri di...

la notte bianca

tutta la notte nomi, diversi e cercati. tutta la notte “andiamo?” nel silenzio che non è silenzio, fra i bip e le plastiche dure sul linoleum. cigola il letto, si alza si muove. il sonno non arriva per chi nella notte vede la nemica da combattere. arrivano...